30/10/16

Discussioni Pre-NaNoWriMo con il folle medico che è mio padre.


Il mio NaNo-Prep fa parte anche di questo, ragazzi.
Fa parte di ricerche su Google che potrebbero mettermi nel mirino dell'FBI.
Fa parte di conversazioni messenger con mio padre, che è medico ed è sempre disposto a rispondere alle mie domande più astruse. Ricordo che un giorno mi venne un dubbio mentre stavo camminando per il Viale della Vittoria di Ancona, circondata da gente, e gli telefonai chiedendogli solamente: "come posso sparare a una persona alle spalle, da lontano, e perforarle il polmone così che muoia in una cosa come quindici secondi? Che tipo di arma è raccomandata?" E giù con gli sproloqui. 
Questo è di qualche giorno fa - dubbio che mi ha assalita per il finale di uno dei sette racconti della raccolta sui Vizi Capitali di cui vi ho parlato QUI. Godetevelo.







Adoro come comunque all'inizio abbia deciso di mantenere una certa professionalità, poi quando ha visto che non era aria si è sbizzarrito. Secondo me la mente un po' macabra l'ho presa da lui. Anche se pure mia madre che sospira e sgrana gli occhi davanti alla cronaca nera in televione non è che sia meglio. 







Che qui ragazzi ci vuole precisione. Voglio gli esatti cc, o quello che è. La tipa che dev'essere drogata è una soccer mum salutista che pesa una sessantina di chili per un metro e settanta, immagino che di eroina non ce ne voglia troppissima per mandarla in coma. 

Se avete qualche consiglio da darmi sono ben accetti.
Spacciatori, sto guardando proprio voi: dov'è che una signora in sedia a rotelle può procurarsi un po' di sana ero, di questi tempi? È importante, sa.



Firmato: la vostra scientificamente curiosa HateQueen di quartiere.








Nessun commento:

Posta un commento