22/09/16

Come pianificare la stesura di un romanzo usando il metodo del fiocco di neve.


Buonasera, miei dolci animaletti. Siete pronti per una lezione di scrittura da una tipa che odia un sacco di cose e che francamente non ha proprio un cazzo da insegnarvi? 
Io non tanto. 
Ma proviamoci lo stesso. 

Quest'oggi vorrei parlarvi di una cosa comunemente conosciuta come "The Snowflake Method", un metodo di scrittura nato negli Stati Uniti e molto in voga da quelle parti - agli americani se gli metti di fronte una schedina da compilare viene un quadruplo infarto dall'emozione, è quello che penso io. 
Si tratta in pratica di un sistema composto di vari passi per pianificare il proprio romanzo prima di scriverlo. Personalmente sono sempre stata una pianificatrice seriale - del tipo che se prima di cominciare a scrivere non ho tutto chiaro in testa e su carta va a finire che lascio tutto a metà - quindi non appena sono venuta a conoscenza di questo "trucchetto" mi ci sono tuffata come Augustus Gloop nel fiume di cioccolata - ecco, adesso ho in testa la sua canzoncina nel film di Tim Burton.
 


"Ma perché mai," vi starete domandando, "viene chiamato metodo del fiocco di neve?"
Beh, se date uno sguardo all'immagine qui sopra diventa tutto un filino più chiaro. Ma ve lo spiego uguale, che probabilmente non avete capito un accidente. 
Si chiama così perché per disegnare un fiocco di neve è necessario partire da una forma base e semplice come quella del triangolo, per poi tracciare una stella, quella terza roba là che non so bene come descrivervi fino ad arrivare al fiocco di neve vero e proprio. E il metodo che sto per esporvi è praticamente la stessa cosa: si parte da una frase corta corta e si arriva a un bel librone fatto e finito - e lo voglio pronto sulla mia scrivania lunedì, chiaro!? 

Passo 1: Riassumi il tuo romanzo in una frase.
Questo primo passo ti servirà per avere una visione d’insieme della storia che hai intenzione di raccontare. Inoltre ti sarà utile se un giorno deciderai di proporre la storia agli editori, o per rispondere a quella terribile domanda lì, proprio quella, quella che ti chiede la gente quando scopre che scrivi: “di cosa parla il tuo romanzo?” La cosa bella è che per loro è una richiestina da niente, no? Mentre te stai lì a frustare i tuoi neuroni perché se ne escano con una risposta decente, loro si domandano cosa tu abbia di sbagliato. Beh, d’ora in avanti sarai tu a smerdare loro, garantito.
Un riassunto di questo tipo dovrebbe includere almeno questi elementi: il protagonista, il suo scopo, i rischi, che potrebbero essere sottintesi, e l’azione che compie per muoversi verso il suo scopo. Se importante, si può anche aggiungere il luogo/tempo in cui si svolge la storia.

Esempi:
Un giovane mago inizia a scoprire i suoi poteri in una scuola di magia e deve prepararsi per combattere l’Oscuro Signore che ha ucciso i suoi genitori.
Un hobbit scopre che l’anello misterioso lasciatogli dallo zio è la chiave per salvare la Terra di Mezzo.
Un ambizioso, seppur fuorviato, studente di scienze crea una nuova vita usando parti di cadaveri ma, pentito, finisce per abbandonare la sua creazione, che decide di vendicarsi. 

Passo 2: Espandi la tua frase fino a trasformarla in un paragrafo.
In questa fase hai un po’ più di spazio per respirare. Sei autorizzato ad ampliare la descrizione del tuo romanzo trasformandola in un paragrafo, ma che non sia più lungo di cinque frasi. Per avere la certezza che la tua trama scorra bene, senza intopparsi o diventare stagnante, dovresti adottare la struttura: “tre disastri più un finale”. Ogni disastro si svilupperà in un quarto del libro, e il finale e l’inizio del libro prenderanno insieme l’ultimo quarto – metà da una parte e metà dall’altra.
Quindi, idealmente dovresti trovarti con:
- una prima frase che riassume la situazione all’inizio della storia;
- una seconda frase che riassume la prima svolta nella storia;
- una terza che riassume la seconda svolta;
- una quarta che riassume la terza svolta – e quindi anche il climax;
- una quinta che riassume il finale della storia. 

Passo 3: Comincia a tratteggiare i contorni dei tuoi personaggi.
In questa fase dovrai cominciare a decidere i personaggi che hai intenzione di includere nella tua storia. Ovviamente a questo punto avrai già in testa una faccia o due, ma ora devi mettere tutto su carta. Per ogni personaggio che hai intenzione di includere compila questo piccolo questionario. 


-     Nome:
-     Una frase per riassumere la storia del personaggio:
-     La sua motivazione – perché fa quello che fa?
-     Il suo obiettivo – cosa vuole?
-     Il suo conflitto – cosa lo ferma dal raggiungere il suo obiettivo?
-     La sua epifania – cosa imparerà e come cambierà?
-     Un paragrafo per riassumere la storia e i cambiamenti del personaggio durante il romanzo:

Passo 4: Continua a espandere la storia.
A questo punto dovresti avere una buona idea della tua storia “vista dall’alto”, diciamo. Se durante i passi precedenti hai apportato delle modifiche alle premesse che ti eri fatto/a è una buona cosa: significa che stai cominciando a conoscere i tuoi personaggi e che ti stanno portando da qualche parte.
Prenditi un po’ di tempo per allungare il paragrafo che hai scritto durante la fase due, trasformando ognuna della cinque frasi in un paragrafo a sé stante. Dovresti quindi ritrovarti con cinque paragrafi piuttosto esplicativi di ogni fase della tua storia. Ogni paragrafo dovrebbe finire con un problema – tranne l’ultimo, che finirà con… beh, con il finale, si spera - a meno che tu non stia scrivendo una saga, allora un bel cliffhanger ci sta tutto. 

Passo 5: Amplia la caratterizzazione dei tuoi personaggi.
Ovvio che in questo passo ti concentrerai di più sui personaggi più importanti, ma è sempre bene avere un’idea chiara anche di coloro che ricadono tra i secondari – o i terziari, addirittura. Prova a scrivere una scheda più o meno dettagliata di ognuno dei tuoi personaggi lunga almeno una pagina. Se non sai come riempirla, prova il questionario che trovi qui

Passo 6: Allunga ancora di più la sinossi.
In questa fase dovrai prendere i paragrafi che hai scritto durante il passo 4 e trasformare ognuno di essi in una pagina, includendo tutti i dettagli che ti vengono in mente su ciò che accade al loro interno – scene, caratterizzazione, dialoghi che hai già in testa. Probabilmente sarai costretto/a a tornare indietro e sistemare alcune cose che hai stabilito durante i passi precedenti, perché ti verranno in mente nuove situazioni e scene che potrebbero contraddire ciò che hai già deciso. Non ti preoccupare, sei ancora in tempo – meglio trovare gli errori ora piuttosto che durante la scrittura! 

Passo 7: Fai una lista delle scene.
Con la sinossi sotto mano fai una lista delle scene che dovrai includere nel tuo romanzo per portare la tua storia dove vuoi portarla. La domanda che dovrai porti sarà sempre la stessa: “cosa deve succedere, ora, perché la trama continui a scorrere?” Se non te la ricordi appuntatela, eh, che è importante. Questa lista sarà la tua migliore amica, quando ti ritroverai colpito/a dal sanguinario Blocco dello Scrittore. Non esisterà un: “non so come continuare”, perché sarà tutto scritto lì. E non tirare fuori scuse del tipo: “oh, ma per scrivere ho bisogno che mi venga a trovare in sogno la mia Musa Ispiratrice”. NO. SCRIVI E BASTA. E non voglio sentire un fiato sul fatto che scrivere una traccia ti uccide la creatività: scrivere una traccia non significa assolutamente che il processo creativo è giunto al termine – primo perché nulla di ciò che stai scrivendo in questo momento è inciso su pietra, secondo perché la creatività non sta solo nell’inventare, ma anche nel trovare un modo di raccontare ciò che si è inventato. 

Passo 8: Scrivi quel cazzo di libro.
Te lo dico senza mezzi termini: muovi quel culo. Anzi, non farlo, tienilo ben fermo e attaccato alla sedia. A meno che il tuo computer non sia alimentato da un tapis roulant.
Se non hai mai pianificato un romanzo e ti sei sempre buttato/a a capofitto nella scrittura scoprirai che in questo modo i tuoi tempi si accorceranno considerevolmente.
Perché? Perché adesso sai cosa scrivere! Certo, potresti comunque bloccarti perché sai cosa deve succedere in una determinata scena ma non sai come raccontarlo, ma in confronto al vuoto totale sarà un problema da niente.
Probabilmente quando avrai finito di scrivere la storia e tornerai indietro a leggere ciò che hai scritto durante i passi precedenti riderai di te stesso/a per quanto era ridicolo e ingenuo, perché scrivendo diventerà tutto più profondo e dettagliato – insomma, il tuo romanzo guadagnerà di significato e i tuoi personaggi di caratterizzazione.
Non tutti si trovano bene con questo metodo, ma in molti ne hanno beneficiato prima di te, quindi perché non tentare? Io ho scoperto di averlo sempre usato, in un certo senso, ma saltando subito al terzo passo. Per la storia su cui sto lavorando al momento però ho trovato molto utili anche i primi due passi, tanto che mi piacerebbe provare a seguirli anche per i romanzi che ho già scritto – come ho detto sopra, trovo sempre molto difficile rispondere alla domanda “di cosa parla il tuo romanzo?” tanto che evito di rispondere del tutto e me ne lavo le mani. “Se vuoi sapere di cosa parla leggitelo”, dico sempre, o magari mi metto a balbettare un paio di parole chiave – per il primo che ho scritto potrei dire “musica”, “Londra” e “dramma”. 



E NIENTE, SIGNORE E SIGNORI, QUESTA ERO IO CHE INTERPRETAVO LA PARTE DI QUALCUNO CHE SA DI COSA STA PARLANDO! 
Alla prossima. 

Firmato: la vostra per niente qualificata HateQueen di quartiere. 

4 commenti:

  1. Ciao! Non ho intenzione di scrivere un libro ma questa cosa è una super figata! :D
    -G

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Aw, sono contenta che il post ti sia piaciuto anche se non ti servirà a niente! XD Se conosci qualcuno che scrive mandalo da me, ahahah

      Elimina
  2. Il metodo del fiocco di neve mi era del tutto sconosciuto. Anche se poi in realtà uno che abbia una storia da raccontare è normale che debba seguire almeno uno straccio di schema, se non scritto, perlomeno mentale. Io, da malata ossessiva per i nomi, parto da lì, metto tutti i nomi dei personaggi (beh, magari all'inizio solo i principali) in fila e comincio a decidere come devono muoversi e poi come possono muoversi.
    La fase 1 però mi è proprio simpatica, credo che la metterò in pratica.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io tante volte alcuni personaggi li chiamo X fino alla fine, ahahah!

      Elimina