31/05/16

Un altro LIEBSTER AWARD; Le mie prossime letture

Quindi, uhm... cosa? Non me n'ero accorta e sono stata nominata un'altra volta. Questa volta è stata Valentina Bellettini, a candidarmi, autrice del blog Universi Incantati. Di lei dovreste sapere che ha pubblicato cinque romanzi di cui tre fanno parte della stessa serie, "Eleinda". Qui un link alla scheda del primo volume! Un giorno dovrò leggermelo anch'io, assolutamente. La trama, per quanto mi riguarda, promette benissimo.

Oggi comunque parlerò del Liebster solo brevemente, giusto per rispondere alle domande e fuggire di nuovo nel mio antro, che tanto altri undici fatti random su di me non li vuole sentire nessuno - e non ci sono neanche, perché sono una persona vuota - e non saprei che altri blog consigliarvi, visto che già l'ultima volta per trovare blog che fossero sotto i 200 iscritti mi sono dovuta dissanguare. Sì, insomma, sono rimasta l'unica stronza che ha soli 20 lettori. Chissà perché, eh? Due domande fattele, signora REGINA DELL'ODIO.
In seguito, giusto per arricchire un po' il post, vi elencherò le mie attuali letture in corso e quelle che ho intenzione di intraprendere subito dopo, giusto per ricordare a me stessa che questo blog dovrebbe parlare di libri, a un certo punto.
Iniziamo.

1) A che ora pubblichi solitamente i tuoi post? Anche se la maggior parte dei miei post è scritta a tarda notte, perché è il momento in cui sono più produttiva in assoluto, mi impongo sempre di pubblicarli il giorno dopo nel pomeriggio, intanto perché voglio almeno dare un'impressione di sapere cosa sto facendo con la mia vita, ma anche perché mi rendo conto che nel pomeriggio si collega più gente - tanto alla fine non li legge nessuno lo stesso, è inutile che faccio la tattica.
2) Hai delle tue rubriche, o hai adottato quelle già conosciute (tipo WWW o Teaser Tuesday?) Rubriche... beh, mi sono unita all'iniziativa del venerdì di Twins Books Lovers, "5 cose che..." ma a parte questo no, non ho appuntamenti fissi. Diciamo che i tipi di post che pubblico sono divisibili tra: scleri appassionati, recensioni stentate, booktag carini in cui mi imbatto e che uso come tappabuchi e qualche consiglio di scrittura da parte di una che di consigli nella vita non dovrebbe darne MAI.
3) Segui le video-recensioni su YouTube? Sì! No. Ogni tanto. Sono iscritta ad alcuni canali di videorecensioni ma alla fine non guardo mai un cacchio. Mi sta simpaticissima Ilenia Zodiaco che mi ha fatta morire col suo video di un'ora e mezza su "After", però ragazzi, non si può guardare un'ora e mezza di video su "After". Immaginate quanto non c'avevo voglia di fare un cazzo quel giorno. In compenso adoro i canali che parlano di scrittura, in particolare quello di Jenna Moreci - è americana, quindi se non masticate l'inglese vi va male.
4) Quanti libri leggi, in media, in un anno? Non quanti vorrei. In generale cerco di leggerne almeno quattro al mese, ma ci sono periodi in cui leggo tantissimo e velocissimo e altri in cui m'impantano. Quindi sì, faccio un po' schifo di fronte a tutti voi divoratori di pagine, me ne rendo moltissimo conto.
5) Scrivi recensioni solo nel tuo blog o le inserisci anche nei social o negli store online? Solo nel blog, e già è troppo.
6) Sei solita prendere dei libri in prestito in biblioteca? No. Non li prendo in prestito neanche dagli amici, un terzo del piacere della lettura per me sta nel fatto di comprarmeli, per qualche motivo. Gli unici due libri che ho preso in prestito sono stati "Colpa delle stelle" e "Cercando Alaska", perché a quanto pare non sono destinata a dare soldi a John Green. Cioè, di suo ho comprato "Città di carta", che guarda caso è stato quello che mi è piaciuto di meno.
7) Leggi gli esordienti italiani? Fino a poco tempo fa no, ma dopo essermi resa conto dell'errore ho deciso di rimediarvi. Infatti consiglio a tutti voi di dare un'occhiata alla recensione di "Sbramami" di Claudia Porta che ho pubblicato un po' di tempo fa.
8) Libri scritti in terza persona o in prima persona? Li leggo entrambi, ma preferisco di gran lunga la prima persona - soprattutto se fatta come dico io.
9) Libri auto-conclusivi o serie/saghe? Entrambi.
10) Programmi i tuoi post o scrivi di getto? Ho svariati post salvati in coda e che intendo scrivere, un giorno, quindi direi che li programmo.


PASSIAMO ORA ALLA SECONDA PARTE DEL POST. Letture correnti e future.


 Abbiamo "Shadowhunters - Città delle anime perdute", che avevo inserito nella lista dei 5 libri che non ho terminato. E ancora non l'ho terminato, diciamo che l'ho lasciato lì a vegetare e ogni tanto vado avanti di qualche pagina. La noia e la pesantezza, ragazzi. Non vedo l'ora di essere alla fine, non ne posso veramente più. 





Nel frattempo mi sto leggendo "Until Beth", di Lisa Amowitz, che si sta rivelando davvero carino. Quando l'avrò finito ve ne parlerò meglio, per ora vi basti sapere che il libro è in inglese e la sua scrittrice è, appunto, Lisa Amowitz, che oltre a scrivere è anche una graphic designer - la copertina se l'è fatta da sola e personalmente la ADORO - e vive a New York. Questo è il suo sito web. 





Subito dopo "Until Beth" ho intenzione di leggere "Nico, Alice e l'isola del drago", il romanzo per bambini e ragazzi autopubblicato di Marcella Cassani. Per essere un romazo autopubblicato bisogna dire che la copertina è veramente bellissima, i miei più sentiti complimenti! Qui un link al profilo twitter dell'autrice! 







Chiuso il libro della Cassani passerò a "Ibrido", di Isa Thid, autrice del blog "maledetta tastiera". In realtà ho già letto il primo capitolo e devo dire che l'ho apprezzato. Si tratta di un urban fantasy incentrato sulle streghe e ambientato in Italia, con un tocco di situazioni inquietanti che a me personalmente piacciono sempre. Non vedo l'ora di leggere il resto per potervene parlare un po' meglio! 




Una volta finito "Ibrido" mi butterò finalmente tra le pagine di "Eve: The Awakening", il primo romanzo autopubblicato di Jenna Moreci, la vlogger di cui vi parlavo sopra. Dovrebbe trattarsi di un romanzo YA fantascientifico. Ha fatto un sacco di vendite e recensioni positive, quindi direi che promette molto bene. 







Ultimo, ma non meno importante, c'è "Jack Frusciante è uscito dal gruppo", che ho comprato qualcosa come un mese fa e ancora non ho avuto l'occasione di leggere. A parte il fatto che erano anni che volevo averlo, ma finiva sempre che leggevo qualcos'altro. Questa volta, però, mi tocca davvero. Ne ho sentito parlare tantissimo, qualcuno di voi l'ha già letto? 





Questo post sconclusionato e un po' raffazzonato si chiude qui. Spero che abbiate apprezzato il mio sforzo di proporvi dei contenuti almeno un pochino stimolanti, ahahah. Alla prossima!

Firmato: la vostra leccaculo HateQueen di quartiere.

3 commenti:

  1. Io ho letto "Jack Frusciante è uscito dal gruppo" quando ancora andavo al liceo, quindi una quindicina di anni fa (ARGH!! >.<') e l'avevo amato tantissimo!! Il mio preferito di Brizzi però rimane Bastogne , politicamente scorretto, violento, visionario e unico nel suo genere!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Politicamente scorretto, violento e visionario!? Ecco che la mia wishlist si allunga di un'altra riga, ahahah! Grazie per il consiglio! C:

      Elimina